Corso Cavour 5

27100 Pavia

info@ilariasartori.com

 

Tel: 392 2821698

Lun - Ven: 9.00 - 20.00

​​Sabato: 9.00 - 12.00

Prenota un colloquio con l'agenda online di MioDottore

Schermata 2019-03-15 alle 15.47.57.png

Ai sensi del General Data Protection Regulation o GDPR 679/2016 la invito a consultare la mia informativa sulla privacy cliccando qui.

© 2018 by Ilaria Sartori, Psicologa Psicoterapeuta, Pavia, P. IVA 02584960187

3.

Bambini

Diagnosi, consulenza e interventi specifici per i problemi legati alla sfera emotiva e comportamentale e per Disturbi del neurosviluppo, quali ad esempio:

  • disturbi del linguaggio e della comunicazione

  • disabilità intellettiva

  • disturbo dello spettro dell'autismo

  • disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD)

  • disturbi d'ansia (e.g. ansia da separazione, mutismo selettivo)

  • disturbi della nutrizione (pica, ruminazione, disturbo evitante/restrittivo dell'assunzione di cibo)

  • disturbi dell'evacuazione (enuresi, encopresi)

  • disturbi del sonno

  • disturbo oppositivo-provocatorio

​​

Effettuo percorsi di educazione alla genitorialità e sostegno alle competenze genitoriali in presenza di un figlio con difficoltà specifiche o caratteristiche peculiari (e.g. autismo, deficit intellettivo).

Come avviene la presa in carico del bambino?

La terapia con il minore procede in maniera differente rispetto a quella con la persona adulta. È innanzitutto necessario che entrambi i genitori siano d'accordo sulla presa in carico del piccolo da parte del professionista, sia essa a solo scopo diagnostico o anche di trattamento, e che firmino i moduli relativi a informativa e consenso. 

Il primo colloquio viene effettuato con i genitori e ha lo scopo di raccogliere le informazioni anamnestiche relative al figlio, informazioni che comprendono  i dati relativi alla gravidanza e alla nascita, allo sviluppo infantile (linguaggio, motricità, alimentazione, sonno, ecc.) fino a giungere al motivo della richiesta di una visita. Solo successivamente avviene l'incontro con il bambino, che ha l'obiettivo di identificare le difficoltà e i punti di forza del piccolo e di formulare un progetto d'intervento. Condiviso quanto emerso con i genitori, ha inizio il percorso con il piccolo, al quale si affiancheranno momenti di confronto con la coppia genitoriale.